Intesa Sanpaolo: orario filiali Flexi e vari aggiornamenti

Filiali Flexi: orario nel periodo estivo
Nel periodo dal 18 luglio al 3 settembre l’orario di lavoro per i colleghi delle Filiali Flexi si articolerà dalle 8,25 alle 16,55 dal lunedì al venerdì.
L’orario di chiusura della cassa, laddove previsto fino alle 19.45, verrà anticipato alle ore 16.00. Questo orario verrà applicato alla quasi totalità delle Filiali Flexi, con l’eccezione di un esiguo numero di filiali in corso di definizione. L’elenco di queste filiali verrà formalizzato nei prossimi giorni.

Nota del 17 marzo: Vi comunichiamo che gli orari estivi per le filiali Flexi chi vi avevamo già comunicato precedentemente (nel periodo 18 luglio / 3 settembre orario di lavoro dalle 8,25 alle 16,55 dal lunedì al venerdì) sarà applicato a TUTTE le Filiali Flexi, senza eccezione alcuna.

Filiali Imprese: inserimento di un gestore PAR
L’Azienda prevede l’inserimento in 50 filiali imprese di maggiore complessità di un gestore PAR che possa supportare i gestori imprese nell’attività delle carte, prodotti di investimento, previdenza complementare per i dipendenti della clientela imprese.
Il gestore PAR dovrà essere già iscritto all’Albo promotori per Offerta fuori sede. Sono in corso i colloqui con il personale coinvolto.

Attività di Controlli interni
Una parte dell’attività dei controlli interni verrà trasferita dalla Direzione Compliance alle Direzioni Regionali, con il passaggio di 25 colleghi.
Non vi sono ricadute per quanto riguarda la mobilità territoriale.

Divisione Private Banking
Verranno inserite 17 persone per supportare le filiali di Banca Fideuram (di norma in filiali presenti nella piazza di Direzione Regionale di BdT, compresa la piazza di Roma) per quanto riguarda l’attività di antiriciclaggio.
Nei prossimi giorni verranno effettuati i colloqui con il personale coinvolto. L’inserimento avverrà in questa fase con l’istituto del “distacco”.

Giubileo
Non verranno aperte le due filiali temporanee inizialmente previste sul percorso del Giubileo, in quanto non è stata data autorizzazione da parte delle Autorità competenti.

Fondo Sanitario Integrativo e Modello 730/2016
In base alla normativa fiscale sul 730 precompilato, da quest’anno il Fondo Sanitario deve comunicare all’Agenzia delle Entrate tutti i rimborsi erogati agli iscritti (distinti per codice fiscale di ogni assistito) nel corso del 2015.

Quindi nel 730 precompilato messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate saranno riportati anche i dati forniti dal FSI che riguardano:

  • i rimborsi effettuati nel corso del 2015 relativi a fatture del 2015 e quelli relativi a fatture di anni precedenti (quest’ultimi saranno riportati nel 730 precompilato come redditi a tassazione separata),
  • gli importi pagati direttamente dal FSI alle strutture convenzionate nel corso del 2015 per prestazioni effettuate in assistenza convenzionata e quelli relativi a fatture di anni precedenti (quest’ultimi saranno riportati come redditi a tassazione separata),
  • le quote differite pagate nel 2015 (che saranno riportati come redditi a tassazione separata). Poiché l’Agenzia delle Entrate richiede i dati per anno solare, non sono ricompresi i rimborsi riconosciuti nel 2016 per fatture relative al 2015 e neppure gli importi pagati direttamente dal FSI avvenuti nel 2016 per le prestazioni in assistenza convenzionata effettuate nel 2015.

Settimana prossima verrà inviata a tutti i colleghi una mail con apposita circolare accompagnata da slides esplicative e verranno messe a disposizione, nell’Area Iscritto del sito del FSI, i riepiloghi annuali delle prestazioni e, per gli esodati e pensionati, la certificazione dei contributi versati.

Milano, 16 marzo 2016

La Segreteria di Gruppo FISAC-CGIL