Pensioni, 60 mila in piazza a Roma

“A testa alta: tutti insieme per rivendicare diritti e dignità dei pensionati”, questo lo slogan della moblitazione nazionale di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil. I sindacati chiedono potere d’acquisto, parificazione fiscale e modifica della legge Fornero.

Piazza del Popolo, a Roma, è strapiena. “Siamo in 60 mila” hanno detto dal palco allestito per la manifestazione nazionale di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil. “A testa alta: tutti insieme per rivendicare diritti e dignità dei pensionati”: questo lo slogan della mobilitazione, il cui obiettivo è l’apertura formale di una grande vertenza finalizzata a ridare potere d’acquisto ai pensionati e un futuro dignitoso ai giovani. I tre sindacati chiedono a governo, partiti politici e Parlamento il rispetto dei diritti che fino ad ora sono stati negati: difesa delle pensioni di reversibilità, tutela del potere d’acquisto e recupero del danno prodotto dal blocco della rivalutazione. Ma anche la separazione tra previdenza e assistenza, la parificazione fiscale tra pensionati e dipendenti, e l’estensione degli 80 euro alle pensioni più basse.