N. Banca Marche: ancora in piedi grazie all’impegno dei lavoratori

In  data  odierna (ieri per chi legge, nds)  le  OO.SS.  si  sono  incontrate  con  l’Amministratore  Delegato  e  il  Direttore  del Personale  per  fare  il  punto  sull’attuale  situazione  aziendale,  a  partire  dal  collocamento  sul mercato  della  nostra  e  delle  altre  tre  banche  oggetto  del  Provvedimento  di  Risoluzione  e  della proroga  concessa nei  giorni scorsi dall’Unione Europea.

L’A.D.,  in  particolare,  ha  illustrato  i  dati  più  significativi  che  sta  realizzando  la  Banca (Raccolta,  Impieghi,  Redditività,  ecc.),  che,  tenendo  conto  del  momento  del  tutto  particolare che  stiamo  attraversando,  soprattutto  nel  nostro  rapporto  con  la  clientela,  rappresentano, comunque,  un’azienda  che  continua  con  tenacia,  impegno  e  professionalità  a  presidiare onorevolmente le  sue quote di mercato e la  sua capillare  presenza  sul  territorio.

Nel  corso  dell’incontro  sono  state,  poi,  di  nuovo  specificate  le  modalità  della  cessione  della banca,  secondo  i  tempi  e  le  conseguenti  fasi  rese  note  anche  dai  principali  mezzi  di informazione:  il  recente  invio  dell’Information  Memorandum    ai  26  soggetti  che  avevano formulato  una  manifestazione  d’interesse,  cui  seguiranno  le  proposte  non  vincolanti  di  coloro che  confermeranno  il  proprio  interesse,  i  quali,  dopo  essere  stati  selezionati,  avranno  accesso alla  Data  Room,  già  predisposta,  dove  potranno  meglio  approfondire  la  documentazione  e svolgere  incontri  con  il  management  aziendale.  Le  proposte  vincolanti  sono,  quindi,  attese  nel giro  di  qualche  settimana,  con  la  conclusione  dell’iter  prevista  auspicabilmente  entro  il  mese  di luglio.

Da  un  punto  di  vista  organizzativo  la  Banca  ha  illustrato  anche  alcuni  interventi  già  deliberati  e che  intende  realizzare  sin dalle  prossime  settimane. Nello  specifico,  a  decorrere  dal  prossimo  20  giugno,    sono  previste  le  chiusure  di  due  filiali (Pomezia  e  Tor  Bella  Monaca  a  Roma)  con  un  recupero  di  personale,  seppur  modesto,  da ricollocare  nelle  unità  produttive  più  vicine.  A  tal  proposito,  come  nella  precedente  analoga circostanza,  è  stato  sottoscritto  un  Accordo  Sindacale  che  gestisce  le  ricadute  sul  personale interessato da  dette  operazioni.

Per  quanto  riguarda  la  Direzione  Generale  la  Banca  ha  ufficializzato,  dopo  avercela informalmente  già  anticipata,  la  creazione  di  una  nuova  Direzione  Corporate,  affidata  ad  una professionalità  proveniente  dall’esterno  con  importanti  esperienze  internazionali  in  Europa  ed Oltreoceano.

Le  OO.SS.,  pur  esprimendo  dubbi  circa  la  tempistica  della  scelta  aziendale,  che  si  inquadra  in un  contesto  di  una  Banca  “Ponte”  che  dovrà  trovare  nei  prossimi  mesi  un  suo  assetto  definitivo, e  che  non  si  presenta  in  piena  sintonia  con  la  dichiarata  e  realizzata  esigenza  di  una  forte contrazione  dei  costi  con  conseguenti  penalizzazioni  di  tutto  il  personale,  hanno,  però,  preso atto  della  dichiarata  volontà  di  un  forte  rilancio  della  Banca  con  i  relativi  e  necessari investimenti.

Il  Sindacato  confida,  pertanto,  che  nel  nuovo  contesto  possano  trovare  anche  accoglienza le  loro  richieste  finalizzate  alla  valorizzazione  ed  al  riconoscimento  degli  sforzi  che  tutti  i lavoratori  hanno  profuso  nella  particolare  situazione  che  abbiamo  attraversato  e  che stiamo ancora attraversando.

Il Sindacato  Aziendale,  poi,  nello  specifico  della  nuova  nomina  non  può  che  leggere positivamente  la  dichiarata  volontà  aziendale  di  rilanciare  con  fatti  nuovi  e  concretamente  gli impieghi  della  Banca  coerentemente  anche  con  le  sue  ripetute  richieste  di  avviare  una  decisa svolta rispetto alla  politica  creditizia sinora  perseguita. In  questo  senso  sollecita  anche  in  quest’occasione  un’ulteriore  riflessione    affinché  sia  resa evidente  con  nuovi  interventi  ed  indicazioni  quella  svolta  sul  Credito  che  ormai  quotidianamente  tutti  i colleghi ci indicano  come  non più procrastinabile.

Al  termine  dell’incontro  le  Parti  hanno  condiviso  l’esigenza  di  costituire  in  Sede  Aziendale  la Commissione  Paritetica  sulle  Pari  Opportunità,  concordando  che  sin  dai  prossimi  giorni  si incontreranno in tal senso.

Jesi, 4 Maggio 2016

Le  OO.SS.  Aziendali  Nuova  Banca  Marche